Benessere Globale, Consapevolezza, Relazione di Coppia

consapevolezza nella cura della pelle dei bambini

consapevolezza nella cura della pelle dei bambini cosa vorrà dire?

Vuole dire, per me, ricordare quando sperimentai la prima volta l’uso di una crema che tutti usano da decenni per proteggere la pelle del sederono dei neonati dall’acidità del meconio, prime feci di scarto del neonato con le prime poppate. Spalmai…e mi sembrava che la pelle mi rimanesse appiccicata. spalmavo e io rimanevo appiccicata. Nella cura della pelle dei bambini di cosa dobbiamo tenere conto?

Poco mi piacque tutto l’insieme delle cose. Decisi di lavarmi le mani e “quella roba” facevo fatica a tirarmela via….mmmm….mi piaceva sempre meno! la domanda fu: e come fa la pelle a respirare?…decisi di lavare con il latte detergente il culetto di mio figlio….gettai via la fantastica confezione regalo per neo mamme appena ricevuto e mi avventurai nel mondo della consapevolezza….o meglio mi svegliai perchè per me sceglievo gia prodotti i più naturali possibili. Certo però che i luoghi comuni e gli usi comuni li getti dalla finestra e ti rientrano dalla porta come nel mio caso. images-24

Per cui usai il semplice normale, biologico, olio extra vergine di oliva…non avevo altro ed ero fritta dal parto e bisognosa di una luna di mamma per poter comprendere cosa accadeva dentro e fuori dii me.

Spostai in avanti le ricerche e continuai a usare olio EVO.

Le ricerche mi confermarono che la mia sensazione era corretta però le informazioni di allora poco chiare e difficili da reperire. Ora, a distanza di venti anni, mi permetto con sicurezza di recuperare queste memorie per tutte le mamme e per tutti i bambini e rendere attuale e informativa la mia esperienza alla luce delle info su “il salvagente” – nota rivista a tutela del consumatore….infatti il fenossietanolo è l’ennesimo quanto malefico intruglio presente nei prodotti per la cura della persona che tradisce il valore della fiducia.
Babysan-skincare-MOM

Prodotti per bambini contenenti fenossietanolo (elenchi pubblicati su “Il Salvagente”)

SALVIETTINE 

  • AVEENO BABY Produttore Johnson&Johnson
  • BABY Produttore Mister Clean
  • BABY FRESH PAMPERS Produttore Procter & Gamble
  • BABY MILK Produttore Carrefour
  • BABY SENSITIVE Produttore Carrefour
  • BABY SOFT & CREAM Produttore Nivea
  • BIMBI Produttore Fresh&Clean
  • CRESCENDO Produttore Coop
  • SALVIETTINE BABY Produttore Fissan
  • SALVIETTINE BIMBO Produttore Conad

CREME PROTETTIVE 

    • FISSAN Baby Protezione e Natura
    • BABYGELLA Pasta protettiva
    • AVÈNE PEDIATRIL Crema per il cambio
    • CHICCO Pasta lenitiva
    • DERMOGELLA BÉBÉ Baby Paste
    • FISSAN BABY Pasta Alta Protezione

 

ALTRI COSMETICI PER I BAMBINI

AVEENO  Daily lotion – Crema idratante – Bagnetto corpo e capelli

      • AVÈNE PEDIATRIL – Latte delicato idratante – Acqua detergente
      • JOHNSON’S – Crema liquida – Baby bagnetto primi mesi – Baby bagnetto delicato – Crema idratante
      • HUMANA – Bagno schiuma ultradelicato
      • DERMOGELLA – Bagno
      • COOP Crescendo – Latte detergente
      • FISSAN – Crema per viso e corpo
      • BABYGELLA – Crema idratante protettiva
      • CHICCO Baby moments – Crema corpo fluida – Shampoo – Bagnoschiuma
      • DISNEY (Dialfa Pharmaceuticals) – Latte detergente – Sapone liquido

Un bel carico di composti discussi e a buona ragione secondo me. La domanda che mi posi fu:  davvero indispensabile tutto ciò? ricorrere a tutti questi prodotti è fondamentale per la mia esistenza e quella di mio figlio o sono bisogni indotti?….risposta: mai usati !! Meglio fidarsi dell’istinto e affidarsi a prodotti biologici e naturali!

Per tutte le mamme, che possano spalmare un po’ di crema protettiva sul sederino dei bimbi con un gesto automatico e sicuro. Proteggere la pelle delicata dei nostri piccoli da irritazioni e arrossamenti è molto importante, soprattutto in prossimità degli organi genitali, per questo scegliamo prodotti naturali. Io mi spiace non mi fido…sopratutto alla luce di queste verifiche di cui sopra.

Prodotti biologici Fenossietanolo nei prodotti delicati per bambiniPer questo la mia risposta  è NO.

Visto che molte di queste creme presentano un componente pericoloso, il phenoxyethanolo (fenossietanolo). L’allarme è partito dall’Agenzia nazionale francese per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti sanitari (Ansm) già l’anno scorso, dopo aver scrupolosamente monitorato questo conservante molto usato nei cosmetici (il suo utilizzo non è illegale, anche se non deve superare la concentrazione massima dell’1%) ma che ha potenziali effetti tossici sulla riproduzione e lo sviluppo. Tanto che l’Ansm è arrivata a raccomandare di non utilizzare il composto nei cosmetici destinati ai bambini sotto i tre anni di età. Salviette, olio e crema idratante, bagnoschiuma, latte detergente contengano parabeni, petrolati e fenossietanolo: ospiti sgraditi per la salute dei nostri piccoli. E così l’acquisto compulsivo il più delle volte si trasforma in una scelta sbagliata, vuoi perché alcuni di questi prodotti contengono troppo spesso sostanze dannose, vuoi perché la pelle del bambino non necessita di tanti cosmetici. Una detersione prolungata con mille prodotti, magari anche di “marca”, contenenti ingredienti di origine chimica a dir poco discutibili, rischia di non apportare alcun beneficio alla pelle infantile.

Felicità in 4 step è anche usare consapevolezza nella cura della pelle dei bambini

La cute dei neonati è priva del film idrolipidico (solo dalla pubertà in poi viene prodotto il sebo, importante lubrificante “naturale della cute)” risultando molto morbida, fragile e molto permeabile, quindi più sensibile all’azione degli agenti esterni: la loro pelle è più facilmente aggredibile non solo da batteri, freddo e sole, ma anche da sostanze irritanti e di sintesi. Fortunatamente i genitori sono diventati ormai consumatori consapevoli ed attenti e si orientano in direzione di prodotti biologici e naturali. Usate semplice e “banale” olio di cocco… garanzia dalla Natura prima di tutto  per quanto riguarda le pregiate materie prime impiegate nella formulazione e che evitano sostanze chimiche o di sintesi allergizzanti e sicuramente non naturali.

Ora credo , con le informazioni che ho e la disponibilità sul mercato, credo che userei olio di cocco vista la versatilità dei suoi molteplici usi e comodità d’uso.

Confidando che la mia esperienza del passato, la curiosità con cui procedo nella vita e il livello di consapevolezza sempre più alto nelle persone che si possa cambiare il mondo anche un culetto di bimbo alla volta…:-)))…vi invito alle esperienze formative come i cerchi al femminile, perCorsi di genitorialità consapevolequi la pagina con le date aggiornate!

Claudia bimba con voi

 

 

0
Tags:

about Poppi Claudia

Modenese di nascita, sfoglina di tradizione che porto nel lavoro di Team Bulding la sua passione per la pasta. Amante della semplicità, nel cibo e nelle relazioni. Amo il pensiero di Italo Calvino quando dice che la leggerezza è il contrario della superficialità. Mi occupo di crescita personale e di agevolare la trasformAzione dal 1997 come freelance. Dal 2012 le giornate le investo per aiutare persone, aziende e professionisti a trasformare in modo efficace se stessi e il loro mondo in meglio. Consulente in Sostenibilità per mettere in accordo felicità e produttività. Sostenibilità è una opportunità.

Lascia un commento