Benessere Globale, Consapevolezza, Femminile

Dieci donne che non possiamo dimenticare

Dal turismo alla fisica, passando per la moda e la politica monetaria: ecco le scienziate e imprenditrici italiane più famose al mondo.

10 si chiamano Anna, Ornella, Marianna, Silvia, Elena, Fabiola,Laura, Emma, Miccia e Lucrezia.

Ve ne propongo altre 10 altrettanto famose: Giovanna, Rita, Margherita, Marie, Roberta, Stefania, Paola, Elena, Sofia e Claudia.

Vi piace questo gioco?

:-)…ora altre 10…i nomi delle 10 donne più belle al mondo secondo People: Sandra, Gigi ,Taraji, Meghan,Laverne, Jenna,Shay,Gabrielle,Ariana, Vanessa

Nomi , semplicemente nomi…potrei anche mescolarli…poco importerebbe da certi punti di vista. Il nome come conferma di una esistenza viva e vissuta. Senza il nome chi mai potremmo essere?

La differenza in questi 3 gruppi di donne?

Le prime famose per essere appunto nomi di donne imprenditrici, il secondo gruppo è di donne famose per i loro contributi e scoperte in ambito  scientifico. Il terzo gruppo?…Le 10 donne considerate più belle al mondo appunto. images-10

E il quarto?…il quarto gruppo, porca miseria, 10 donne che rimarranno “famose” per essere le donne uccise dai loro “compagni/mariti/fidanzati” nei primi 30 gg del 2016.

Potrei anche indicare un quinto gruppo… le donne morte di parto per superficialità..?…facciamo anche il 6° gruppo?…lascio perdere…:-(

Altri gruppi potremmo creare  certo.

La riflessione mia in questo momento?

Per 10 che ce la fanno altre 100 che crollano, per 10 che esprimono se stesse altre 1000 che  scompaiono, per 10 che vediamo quante non vediamo?

e per tutte quelle che vediamo un miliardo e più di persone, uomini e donne, che si sollevano per danzare insieme.

Per esprimere in una condivisione che danzare insieme è possibile. Parlo della danza della vita, della forza di relazionarsi e trasformarsi per vivere meglio le relazioni.

E allora la mia domanda è? Cosa posso fare per vedere meglio?

Io, Claudia Poppi, cosa posso fare di fronte a tutto ciò? Come scrivevo in un precedente articolo, agisco, penso e mi muovo secondo un progetto più grande di me ed è per questo che vi invito a farvi domande. Cosa possiamo fare per trasformare sempre di più la realtà che viviamo in una realtà sociale più armoniosa e solidale ove, andando oltre le naturali differenze di genere e le differenze di personalità e anima le persone possano trovare la forza e le risorse, dentro e fuori di se, per esprimere il meglio di se? Uomini e donne!

Io scelgo il mondo femminile. Il femminile che venera la vita del genere umano, maschile e femminile. Questo è il progetto più grande di me e lo sostengo con donazioni anche a “la Casa delle Donne” di Bologna. Nel momento del bisogno è stato per me un valido punto di confronto e sono loro grata. Perchè possano continuare ad  esistere luoghi di sostegno di questo grado di laicità vi invito a trovare il vostro progetto da sostenere.

A qualche giorno dall’iniziativa One Billion Rising che sviluppa una manifestazione di ampiezza mondiale di donne che vogliono danzare la vita, colgo anche dati statistici che mettono in evidenza come negli ultimi 5 anni, sul territorio mondiale la percentuale di obiettivi militari terroristici ha colpito per un buon 30 % obiettivi legati alla cultura e l’altro 20 % strutture scolastiche condizionando l’affluenza e la partecipazione alla vita scolastica. Curiosità: le scuole maggiormente colpite?…quelle strettamente femminili. Zona geografica: India e Africa senza dimenticare la Russia. ….leggetevi anche questo se ve lo siete perso a proposito della cultura e della scolarizzazione femminile.

E cioè?…tutto ciò cosa vuole dire tutto ciò?…che voglia dire che mantenendo le persone lontano dalla cultura, isolando le persone dalle relazioni sane e funzionali ad un apprendimento consapevole di esperienze condivise le persone possono procedere sempre più in una regressione dei comportamenti? Lo so che ho scoperto l’acqua calda. Teniamo a mente tutto ciò…questo voglio dire!

Claudia One Billion Rising con voi e con le persone, Uomini o Donne, per trasformare il mondo una gentilezza alla volta.

n.b. Mi sono persa l’articolo con i dati precisi e la fonte, accipicchia a me, di quanto riferisco qui in merito agli atti terroristici con obiettivo la distruzione delle scuole e l’uccisione degli scolari per demotivare la frequenza. Lo ritroverò per completare questo mio articolo. Ho sentito però l’importanza di condividere con voi tutto ciò. Grazie dell’accoglienza.

0
Tags:

about Poppi Claudia

Modenese di nascita, sfoglina di tradizione che porto nel lavoro di Team Bulding la sua passione per la pasta. Amante della semplicità, nel cibo e nelle relazioni. Amo il pensiero di Italo Calvino quando dice che la leggerezza è il contrario della superficialità. Mi occupo di crescita personale e di agevolare la trasformAzione dal 1997 come freelance. Dal 2012 le giornate le investo per aiutare persone, aziende e professionisti a trasformare in modo efficace se stessi e il loro mondo in meglio. Consulente in Sostenibilità per mettere in accordo felicità e produttività. Sostenibilità è una opportunità.