Consapevolezza, Felicità

Come lasciar andare l’ansia con una passeggiata

Non ho grandi suggerimenti da poter condividere che siano bacchette magiche per la vostra vita, che  vi aiutino a trovare un beneficio risolutivo e duraturo. Ne ho uno soltanto, semplice, economica e sicura, di cui sono assolutamente sicura, ed gratuita. Importante assaporare questa pratica con la miglior costanza che puoi.

Se volete approfondire camminiamo insieme che ve lo racconto.

Da molti anni mi sono accorta dei benefici della camminata. Ho sempre fatto km, piuttosto che perdere l’auto o l’autobus mi incamminavo….Cammina cammina , oltre ad essere arrivata, mi accorgevo sempre più che avevo come riavvolto il filo dei miei pensieri e che tante apprensioni si erano affievolite.

Camminare è diventata una vera medicina alle preoccupazioni. Cioè a tutti quei pensieri che abbiamo prima che qualcosa accada e che non sappiamo nemmeno se accadrà.

Finché tutto ciò è accettabile possiamo chiamarle preoccupazioni. Ma a volte accade che questo generi uno stato di animo che riduce l’attenzione alla realtà generando PRE-occupazioni. E  questa è ansia.

Quindi? Camminate che vi fa bene a scaricare le PREoccupazioni.

Sono anni che inizio e concludo la giornata con una piccola o grande passeggiata. Ove io sia non importa. Nella natura o sotto i portici di una città, facendo il giro di un parcheggio…quel che c’è!

Ho la fortuna di viaggiare per lavoro e gli scenari cambiano senza difficoltà. Quando sono in fattoria Cà d’Pignat la passeggiata serale coinvolge spesso gli ospiti ed è molto bello dare spazio allo stupore di un cielo stellato pieno e completo. Date spazio allo stupore!

Quando sono in città la passeggiata è sotto i portici per assistere allo spuntare delle torri degli asinelli al colmo della salita di via San Felice poi giro i tacchi e ridiscendo per i portici accanto.

Una boccata d’aria dopo le intense giornate di studio, progettazione e consulenza è necessaria e mi aiuta appunto a mettere in fila i pensieri e le sensazioni. Mi aiuta a riprendere l’ascolto di me e dei miei bisogni più profondi.

Ogni giorno con qualsiasi tempo e stagione, per trovare me stessa….4 passi meglio che rimanere a casa.

E, ridete pure con questa immagine, se proprio accade che non possa uscire, mi vedrete camminare per la stanza…un passo alla volta!

“…….non conosco pensiero così gravoso

da non poter essere lasciato alle spalle

con una camminata………”

( S. Kierkegaard )

A volte inizio con gioia, trallalero e trallalà, quasi saltellando.

Altre? Come dire…striscio trascinandomi fuori di casa. Una ameba sospinta da una energia senza nome, a me sconosciuta, che sa, quale grande beneficio mi attende.

La mia grande maestra Karina Schede, fondatrice del metodo Soul Voice® di cui pratico il metodo e propogo  sessioni di trasformazione, mi sollecita spesso e mi rammenta il valore di tutto ciò.

Si raccomanda spesso che noi tutte pratichiamo la meditazione della passeggiata. Quindi se vedrete una persona, magari con le cuffie, che cammina in solitudine, respirando in modo amplio e intenso, che cammina con passo lento e consapevole quasi volesse appoggiare una cellula alla volta a terra, e che magari emette suoni da rammentare una nenia per bambini, ecco…questa potrebbe essere la descrizione….potrei essere io o qualche cliente che notte tempo e furtivamente realizza una delle migliori esperienze possibili per gestire l’ansia e lo stress.

Queste esperienze di dare “Voce al respiro” sono occasioni importanti di consapevolezza che propongo e promuovo per portarsi a casa strumenti esperienziali concreti da usare nella vita di tutti  i giorni. Vuoi vedere se la tua agenda te lo permette? qui le date.

La camminata silenziosa.

E non vi date pensiero se, mentre sperimenta tutto ciò, siete così connesse/i al vostro intimo che seminate litri di lacrime sul cammino, altre volte potreste accorgervi che i raggi del sole agevolano una gioia quasi incomprensibile alla mente, per fortuna c’è il cuore che si apre di gioia.

Il cammino e il camminare è una metafora importante della vita ed è opera necessaria al nostro corpo, mente, spirito. Ritroverete la vostra mappa interiore un passo alla volta.

Quindi sperimentate una camminata ove immaginate che il vostro passo appoggia una cellula alla volta a terra…accadranno miracoli e vi accorgerete quanto può essere terapeutica una sana camminata!

0
Tags:

about Poppi Claudia

Modenese di nascita, sfoglina di tradizione che porto nel lavoro di Team Bulding la sua passione per la pasta. Amante della semplicità, nel cibo e nelle relazioni. Amo il pensiero di Italo Calvino quando dice che la leggerezza è il contrario della superficialità. Mi occupo di crescita personale e di agevolare la trasformAzione dal 1997 come freelance. Dal 2012 le giornate le investo per aiutare persone, aziende e professionisti a trasformare in modo efficace se stessi e il loro mondo in meglio. Consulente in Sostenibilità per mettere in accordo felicità e produttività. Sostenibilità è una opportunità.